Menu

NEWS

BAROLO WITH PLENTY OF EVERYTHING

BKWine Magazine

Parusso - BAROLO WITH PLENTY OF EVERYTHING

by ASA JOHANSSON 

May, 2020

 

ORIGINAL VERSION: https://www.bkwine.com/features/wine-producer-profiles/parusso-barolo-plenty-everything/

VERSIONE IN ITALIANO A SEGUIRE

 

“I want to give everything, I only live once and I want to give everything I have,” says Marco Parusso from the eponymous wine estate in Monforte dAlba in Barolo.

You can feel that in the wines. There’s a lot of everything. Fruit. Colour. Tannins. “Tannins are the hallmark of Barolo and they should be there,” says Marco. Less is more, does not exist here. That’s for sure.

Since Marco started working in the family winery in 1986, along with his sister Tiziana, a lot of time has been spent researching and trying new techniques to make barolo wines that he likes himself. “My barolos are delicious to drink early but they can also be aged. We will release a Barolo 2000 next year to show how well they develop,” says Marco.

He works in his own way both in the field and in the cellar. In a time when you often hear wine producers say that they do as little as possible so as not to affect or stress their wines, Marco does the opposite. One has to make an effort not to lose track when he talks about how he works with his nebbiolo grapes.

First, he picks the grapes and leaves the whole clusters to rest in a room where he controls moisture and temperature. “The grapes are stressed right after harvest and the stalks release bitter tannins. When the grapes and the stalks are left to rest for a few days, they come into contact with oxygen. Then the molecules change and give tannins that get longer and thus softer,” he says. He says water in the stalks evaporates and gives room to more oxygen, which helps start the fermentation. About seventy percent of the stalks are present during the fermentation.

Parusso wines, Barolo, Piedmont

He uses horizontal fermentation tanks, so-called rotofermenters, rotating fermentation tanks. It gives more contact between must and skins compared to a traditional vertical tank. More tannins, colour and polyphenols are extracted in less time.

“First I cool down the tank to do a cold maceration, to extract aromas, while avoiding fermentation.”

Then he raises the temperature to 33 degrees centigrade for two days. “To leach out as much colour as possible. Our wines are always darker compared to many other barolos,” he says.

He then lowers the temperature to 25 degrees for a slow fermentation until all the sugar has fermented out. When the wine has finished fermenting all sugar, he heats the tank again to 29 degrees. “I want to extract more than everything!” says Marco with great empathy. After that, the skins will remain in the wine to macerate between 40 and 60 days.

“We have very expensive technology and it requires a lot of work, which justifies our prices being high. Those who do nothing should, I think, charge less,” he says.

He then ages the wines on French oak barrels for two years before bottling. He only adds a little sulphur before bottling.

Marco Parusso and his daughter Giulia

Marco and his niece Giulia in Sweden (November 2019)

Here are my tasting notes:

Alba Vegliamonte, Marco Parusso

“I didn’t know about Alba doc before 2016, but I really believe in the wines that are a mixture of nebbiolo and barbera,” says Marco. His DOC Alba is 70 percent nebbiolo and the rest barbera and a small proportion of other red grapes. He ferments the different varieties together.

Intense scents of ripe plums, black currants, white pepper and tar. High acidity, lots of tannins but also a lot of fruit that gives balance. Full-bodied and medium length.

Barolo 2016, Marco Parusso

Intense aromas of small red fruits, lingonberries, red currants, medicinal herbs, mint, lemon balm and leather and tar, peppery, but the aromas have a lot of fruit. High and tight tannins, medium acidity and still a lot of fruit. It’s full-bodied and with a lot of tannins.

Barolo Mariondino 2016, Marco Parusso

A Barolo from the Mariondino vineyard (one of Barolo’s officially named sub-districts) that has plenty of sand, afternoon sun and cold winds from the north.

Ripe blue plums, blackberries but what is striking is the sweet spices. Cinnamon, cardamom, cloves, they’re present even in the taste with well-preserved fruit and high but ripe and well-integrated tannins, medium acidity and good length. A full-bodied barolo that I would like to drink in five or ten years.

Barolo Mosconi 2016, Marco Parusso

South of Monforte, morning sun and soil with clay and a lot of limestone. Also one of the official sub-regions.

A Barolo that is less dominated by the fruit, more tannins. Earthy tones, leather, tar, medicinal herbs, sage, high tight tannins, medium acidity, and a long and tannic finish. For the true barolo lovers.

Barolo Bussia 2016, Marco Parusso

Grapes from two vineyards in the sub-region of Bussia: Le Rocche which has morning sun and limestone soil and Vigna Mugne which has more clay. They are vinified separately and blended after two years.

Classic Barolo nose. Rose petals, tar, balsamic notes. High tangible tannins, medium acidity, astringent, yet a sweetness at the end that rounds it off. Needs some time but look forward to trying this in a couple of years.

Parusso bottles, Barolo, Piedmont

If you are the one who buys a salad when everyone else is eating burgers, this is not for you. To appreciate Parusso’s wines, you should also love the motto “a lot of everything”.

 

ASA JOHANSSON is BKWine’s person in Italy. She lives in Florence since the early ’00s. Asa writes regularly on wine and food in Swedish and Italian publications as well as online.

Puyallup Elementary Campus Connections - Cascade Christian School

___

BKWine Magazine

 

 “Voglio dare tutto, vivo una volta sola e voglio dare tutto quello che ho”, dice Marco Parusso dell'omonima azienda vinicola di Monforte d'Alba in Barolo.

Questo si percepisce nei vini. C'è molto di tutto. Frutta. Colore. Tannini. “I tannini sono il segno distintivo del Barolo e devono esserci" dice Marco. Meno è di più, qui non esiste. Questo è certo.

Da quando Marco ha iniziato a lavorare nella cantina di famiglia nel 1986, insieme alla sorella Tiziana, è stato impiegato molto tempo nella ricerca e nella sperimentazione di nuove tecniche per produrre vini Barolo che gli piacciono. “I miei Barolo sono deliziosi da bere giovani ma possono anche essere invecchiati. Usciremo con un Barolo 2000 l'anno prossimo per mostrare quanto possono evolvere bene”, afferma Marco.

Lavora a modo suo sia sul campo che in cantina. In un momento in cui spesso si sente dire dai produttori di vino che fanno il meno possibile per non influenzare o sottolineare i loro vini, Marco fa il contrario. Bisogna sforzarsi di non perdere il filo quando si parla di come lavora con le sue uve di Nebbiolo.

In primo luogo, raccoglie l'uva e lascia riposare tutti i grappoli in una stanza dove controlla l'umidità e la temperatura. L'uva è stressata subito dopo la vendemmia e i gambi rilasciano tannini amari. Quando l'uva e i gambi vengono lasciati riposare per qualche giorno, vengono a contatto con l'ossigeno. Poi le molecole cambiano e danno tannini che diventano più lunghi e quindi più morbidi, dice. Dice che l'acqua nei gambi evapora e dà spazio a più ossigeno, che aiuta a iniziare la fermentazione. Circa il 70% dei raspi è presente durante la fermentazione.

Parusso wines, Barolo, Piedmont

Utilizza vasche di fermentazione orizzontali, i cosiddetti rotofermentatori, vasche di fermentazione rotanti. Conferiscono maggiore contatto tra mosto e buccia rispetto ad un tradizionale serbatoio verticale. Più tannini, colore e polifenoli vengono estratti in meno tempo.

"Prima raffresco la vasca per fare una macerazione a freddo, per estrarre gli aromi, evitando la fermentazione. Poi alzo la temperatura a 33 gradi centigradi per due giorni. Per trattenere il più colore possibile. I nostri vini sono sempre più scuri rispetto a molti altri Barolo", dice.

Abbassa poi la temperatura a 25 gradi per una lenta fermentazione fino a quando tutto lo zucchero ha fermentato. Quando il vino ha finito di fermentare tutto lo zucchero, riscalda nuovamente la vasca a 29 gradi. "Voglio estrarre più di tutto!” dice Marco con grande empatia. Dopo di che, le bucce rimarranno nel vino per macerare tra 40 e 60 giorni.

“Abbiamo una tecnologia molto costosa e richiede molto lavoro, il che giustifica che i nostri prezzi siano alti Successivamente matura i vini su botti di rovere francese per due anni prima dell'imbottigliamento. Aggiunge solo un po' di solforosa prima dell'imbottigliamento.

Marco Parusso and his daughter GiuliaMarco e sua nipote Giulia in Svezia (Novembre 2019)

Ecco le mie note di degustazione:

Alba Vegliamonte, Marco Parusso

“Non sapevo di Alba doc prima del 2016, ma credo davvero nei vini che sono una miscela di Nebbiolo e Barbera"dice Marco. La sua DOC Alba è per il 70% Nebbiolo e per il resto Barbera e una piccola parte di altre uve rosse. Fermenta le diverse varietà insieme.

Profumi intensi di prugne mature, ribes, pepe bianco e catrame. Elevata acidità, tannini abbondanti ma anche molta frutta che dona equilibrio. Corposo e di media lunghezza

 

Barolo 2016, Marco Parusso

Profumi intensi di piccoli frutti rossi, mirtilli rossi, ribes rosso, erbe medicinali, menta, melissa e cuoio e catrame, pepato, ma gli aromi sono molto fruttati. Tannini alti e stretti, acidità media e ancora molta frutta. È corposo e con molti tannini.

 

Barolo Mariondino 2016, Marco Parusso

Un Barolo del vigneto di Mariondino (una delle sotto-contrade di Barolo) con molta sabbia, sole pomeridiano e venti freddi da nord.

Prugne blu mature, more ma ciò che colpisce sono le spezie dolci. Cannella, cardamomo, chiodi di garofano, sono presenti anche al gusto con frutta ben conservata e tannini alti ma maturi e ben integrati, di media acidità e buona lunghezza. Un corposo Barolo che vorrei bere tra cinque o dieci anni.

 

Barolo Mosconi 2016, Marco Parusso

A sud di Monforte, sole mattutino e terreno con argilla e un sacco di calcare. Anche una delle sub-regioni ufficiali.

Un Barolo meno dominato dal frutto, più tannini. Toni terrosi, cuoio, catrame, erbe medicinali, salvia, tannini molto stretti, media acidità, buon finale tannico. Per veri amanti del Barolo.

 

Barolo Bussia 2016, Marco Parusso

Uve provenienti da due vigneti nella sub-regione della Bussia: Le Rocche che ha il sole mattutino e terreni calcarei e Vigna Munie che ha più argilla. Vengono vinificati separatamente e miscelati dopo due anni.

Classico Barolo al naso. Petali di rosa, catrame, note balsamiche. Tannini forti, di media acidità, astringenti, ma una dolcezza finale che la completa. Ha bisogno di un po' di tempo, ma non vedo l'ora di provare questo in un paio di anni.

Parusso bottles, Barolo, Piedmont

Se sei tu quello che compra un'insalata quando tutti gli altri mangiano hamburger, questo non è per te. Per apprezzare i vini di Parusso, si dovrebbe anche amare il motto: "Un sacco di tutto”.

 

ASA JOHANSSON è la persona di riferimento della rivista BKWine in Italia. Vive a Firenze dall'inizio degli anni 2000. Asa scrive regolarmente di cibo e vino su riviste svedesi e italiane online.

Puyallup Elementary Campus Connections - Cascade Christian School

×